• Andrea Pesce

Comparte reagisce all'emergenza

Adesso è chiaro a tutti: l’educazione di qualità è un diritto che nessun paese si può permettere di lasciare indietro!

Dal 4 maggio Comparte sarà impegnata in un percorso intensivo di formazione rivolto a studenti e professori del Guatemala. L’obiettivo è trovare insieme gli strumenti per affrontare al meglio, da un punto di vista educativo, la situazione di lockdown che stiamo vivendo.

Senza dubbio in tutto il mondo l’educazione è stata duramente colpita dall’emergenza covid-19. Scuole e Università provano a mantenerla in vita grazie agli encomiabili sforzi dei docenti, quasi inventandosi molteplici forme di didattica a distanza.

Ma come è possibile studiare da remoto con una scarsa connessione internet? In Guatemala la situazione è molto complessa: la maggior parte degli studenti, oltre a non avere un computer personale, vive in comunità rurali con connessioni molto deboli.


Quindi si, la formazione è importante ma è fondamentale calarla nel contesto. Nelle due settimane passate abbiamo lavorato a stretto contatto con i professori dell'USAC con i quali collaboriamo da anni con il progetto Comparte Universidad (da voi sostenuto!). Abbiamo contattato docenti latinoamericani ed europei e già da domani saremo online con alcuni brevi ma specifici seminari volti ad arginare questa situazione di crisi.

Di seguito il programma delle formazioni che copriranno tutto il primo semestre in Guatemala. (orario guatemalteco: 8 ore indietro rispetto all’Italia)



Continuiamo a lavorare in supporto alla qualità e all'innovazione dell'educazione guatemalteca grazie al supporto di tutti voi e dei nostri storici partner: APVE e ANP lazio.


53 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti